Trento

L'orsa KJ2 è stata abbattuta in Trentino

Il comunicato ufficiale della Provincia: "Uccisa perché pericolosa per gli uomini e recidiva". L'abbattimento nell'area del monte Bondone

BOLZANO. Nella serata di ieri gli agenti del Corpo forestale della Provincia autonoma di Trento hanno proceduto all’abbattimento dell’orsa KJ2 in attuazione dell’ordinanza emessa dal presidente della Provincia di Trento Ugo Rossi per garantire la sicurezza delle persone. L'orsa KJ2 aveva aggredito un uomo nei pressi del lago di Terlago mentre passeggiava col suo cane .

Alla fine, dunque, è stata abbattuta. L'orsa KJ2 era ricercata ufficialmente fino dal 22 luglio scorso, dopo avere ferito abbastanza seriamente un uomo che passeggiava assieme al suo cane in un bosco nella zona dei laghi di Lamar in Trentino. Il plantigrado è stato abbattuto da agenti del corpo forestale della provincia autonoma di Trento, che hanno agito in esecuzione di un'ordinanza del governatore Ugo Rossi, emessa per la sicurezza delle persone.

leggi anche:

L'orsa era accusata di avere ferito un altro escursionista, attaccato mentre stava compiendo un'escursione nella zona di Cadine nel 2015. L'abbattimento ha causato naturalmente molti commenti polemici da parte di protezionisti ed animalisti, ma a sostenere la necessità di questa misura estrema è intervenuto in maniera decisa, a cose fatte, il governatore Rossi: «Oggi - ha detto - siamo qui a commentare l'abbattimento di un orso, ma se quest'esemplare avesse avuto un altro incontro, magari con un bambino e ci fosse stato un altro ferito o qualcosa di più grave, saremmo qui a fare altri commenti».

Orso, l'ordinanza della Provincia di Trento by Trentino Quotidiano on Scribd

«È chiaro - ha aggiunto Rossi - che in un periodo come questo, sotto Ferragosto ed in un'area popolata e fra quantità di turisti e di residenti, tutte le regole scientifiche e giuridiche indicano che ciò che è stato fatto era un'assoluta necessità». «In tutto il mondo - ha detto ancora ancora Rossi - quando il pericolo sale oltre una certa soglia si procede all'abbattimento per garantire la sicurezza delle persone». Rossi ha assicurato che non abbandonerà il progetto Life Ursus che aveva reintrodotto l'orso in Trentino.

L'iniziativa - ha ammonito - dovrà essere modificato: all'inizio - ha spiegato - si pensava che gli animali avrebbero popolato un'area più vasta, mentre oggi si dimostra il contrario. «Nel frattempo - ha concluso il governatore - occorre usare la scienza, la coscienza ed il buonsenso per gestire gli esemplari più pericolosi».

La vicenda ricorda da vicino un caso analogo, accaduto appena tre anni fa: allora a farne le spese fu Daniza, un esemplare di plantigrado morto dopo l'intervento delle guardie forestali. Allora però, l'animale morì non perché doveva essere abbattuto, ma per le complicazioni insorte mentre i guardacaccia tentavano di narcotizzarla con un apposito liquido. La sostanza, però, ebbe un effetto più potente del dovuto e così Daniza morì. La presenza dell'orso sui monti non solo del Trentino, ma anche del vicino Alto Adige, ultimamente ha causato molte polemiche e commenti, anche perché alcuni esemplari hanno cominciato ad attaccare greggi di pecore, causando qualche danno agli allevatori. E così in tutta la regione è stato messo in discussione il progetto Life Ursus, introdotto per ripopolare l'area alpina con un animale che sembrava destinato alla scomparsa.

Il progetto Life Ursus per il reinserimento dell'orso sulle montagne trentine viene concepito negli Anni Novanta, quando ci si rende conto che la popolazione di plantigradi, da sempre presente nelle Dolomiti di Brenta, è sempre più esigua e vicina all'estinzione. Il progetto viene promosso dal Parco Naturale Adamello-Brenta, in collaborazione con la Provincia autonoma di Trento e con l'Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica e finanziato dall'Unione Europea. Dopo uno studio di fattibilità e un sondaggio di opinione tra la popolazione delle aree interessate, nel 1999 vennero catturati nelle riserve di caccia della Slovenia due giovani orsi, Masun e Kirka, e immessi nei boschi del Parco. Tra il 2000 e il 2002 furono liberati altri otto esemplari. Ora gli orsi sono parecchie decine e sono incominciati anche i problemi.

TrovaRistorante

a Bolzano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics