A Gipsy in the kitchen in Alto Adige
BOLZANO

"A Gipsy in the kitchen" in Alto Adige

Quattro giorni dedicati alle prelibatezze provinciale per la famosa food blogger italiana

BOLZANO. Lei si chiama Alice Agnelli, milanese e più famosa con il nome del suo blog dedicato alla cucina “A Gipsy in the kitchen” . Settantamila follower su Instagram e oltre quarantamila likes su Facebook per una food blogger che arriva in ogni angolo d'Italia. Da oggi Alice si trova in Alto Adige e la vetrina è tutta per le prelibatezze provinciali. Quattro giorni di viaggio nelle specificità del nostro territorio.

La prima puntata è stata dedicata agli asparagi con il marchio di qualità Margarete di Terlano. Aiutata dal coltivatore Enrico e prima di un pranzo per assaggiare la salsa bolzanina al ristorante Patauner Alice ha pubblicato una diretta Facebook dove scopre i segreti della coltivazione in una asparagiaia. “La sabbia e l'argilla trasportate dall'Adige – racconta il coltivatore – hanno reso questo terreno perfetto per questo ortaggio”. Il lavoro inizia con i classici “cumuli” e le serre visibili anche da lontano. “In questo modo riusciamo a mantenere una temperatura alta e costante. A metà marzo arriviamo a 45 gradi sotto i teli”. Un prodotto “quasi” biologico. “E' così al 90%. Per otto mesi all'anno, infatti, su questi terreni non viene fatto nulla. Stanno semplicemente a riposo”. E c'è anche il taxi per gli asparagi. “Già – continua Enrico – perché si tratta di un ortaggio costituito principalmente da acqua quindi è molto importante che dal terreno alla cantina prenda pochissima luce. Abbiamo un mezzo apposito per velocizzare questa operazione”.

Inevitabili alcuni suggerimenti culinari come il carpaccio di asparago con olio, pepe e limone e curiosità come la differenza tra asparagi bianchi e verdi. Nei prossimi quattro giorni continueranno i post e le dirette sulle pagine di “A Gipsy in the kitchen”.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Bolzano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' PER GLI SCRITTORI

Stampare un libro ecco come risparmiare